Patate in tecia

Oggi ci allontaniamo da Cividale e i suoi dintorni per arrivare a Trieste e raccontarvi un piatto tipico della loro tradizione: le patate in tecia.

La cucina triestina rispecchia la realtà storica e umana di Trieste che ha accolto per secoli le genti e le tradizioni culinarie più diverse. Da tale diversità è nata una cucina particolarmente sapida che ha saputo coniugare la gastronomia mediterranea con quella mitteleuropea.

Le patate in tecia sono un contorno ed accompagnano generalmente i piatti di carne, anche se originarie della Venezia Giulia, vengono cucinate anche in Friuli, e spesso accompagnate al frico in sostituzione della polenta. Arricchite con cipolla e pancetta, sono un piatto a dir poco gustoso!!!

Originariamente le patate venivano cotte nella tecia, una pentola di terracotta che manteneva costante la temperatura; oggi vengono cucinate in padella, iniziando da un po’ di olio e burro in sostituzione dello strutto che veniva utilizzato in passato.

Ingredienti: 1kg di patate, 1 cipolla bianca, 200 gr. di brodo vegetale, 100 gr. di pancetta, 15 gr. di burro, 20 gr. di olio, sale e pepe q.b.

Preparazione: Lavate e mettete a cuocere le patate con la buccia che andrete poi a togliere, per circa 30 minuti finché non risultano morbide, scolatele e lasciatele intiepidire. Sbucciate e tagliate la cipolla a fettine sottili e di seguito la pancetta a cubetti, in un tegame scaldate l’olio con metà del burro, aggiungete la cipolla e poi la pancetta, rosolate tutto per 10 minuti. Aggiungete le patate schiacciandole grossolanamente con la forchetta, regolate di sale e pepe, unite il burro rimasto e proseguite con la cottura per 10-13 minuti aggiungendo di tanto in tanto un po’ di brodo vegetale per evitare che brucino. Una volta terminata la cottura assicuratevi che si sia formata una bella crosticina…

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
it_IT

Valuta la tua esperienza

Product reviews

Contattaci